ENERGIA ELETTRICA DA VINACCIA ESAUSTA

Fin dal 1800 le distillerie riutilizzano i loro sottoprodotti, dando vita ad un ciclo virtuoso di cui le Distillerie Bonollo S.p.A. si sono fatte da sempre autorevoli interpreti. In un primo momento, dalla vinaccia vengono estratti la parte alcolica, il tartrato ed eventualmente anche i semi di vinaccioli. A questo punto la vinaccia, costituita dal tralcio e dalla buccia, diventa “esausta”, ma ancora utile in quanto biomassa vegetale al 100%. Essa era in origine destinata ad alimentare la centrale termica della distilleria, mentre oggi è ceduta alla controllata Bonollo Energia per produrre sia vapore ad alta pressione per la distilleria stessa che energia elettrica da fonti rinnovabili destinata ad utilizzi civili o industriali.

ENERGIA ELETTRICA DA BIOGAS

Il biogas è il passaggio finale del ciclo produttivo delle Distillerie Bonollo S.p.A.. Da sempre esso è fonte di energia termica utile durante le lavorazioni e più di recente, grazie a dei motogeneratori viene convertito anche in energia elettrica. Una pratica virtuosa dunque, che utilizza fonti rinnovabili nel rispetto dell’ambiente per ridurre l’utilizzo di fonti energetiche fossili.